Origine del Cognome



L'origine dei cognomi

.

I cognomi ci identificano come membri di una famiglia. Insieme al nome, i cognomi ci danno un'identità unica. Mentre il nostro nome parla di chi siamo, i nostri cognomi ci dicono da dove veniamo. È grazie ai cognomi che possiamo conoscere la nostra storia familiare, i nostri antenati. I cognomi ci permettono di risalire alle nostre origini, ed è per questo che sono così importanti.

Conoscere le origini dei cognomi è qualcosa che attira sempre la nostra attenzione, perché ci sentiamo legati a coloro che hanno portato i nostri cognomi prima di noi. Sapere da dove viene un cognome, come è nato e chi possono essere stati i suoi primi portatori è qualcosa che ci avvicina alle nostre radici, oltre a permetterci di indagare il nostro passato e quello del nostro lignaggio.

Qual è l'origine di un cognome?


Cos'è un cognome?

Il cognome è il nome antroponimico di una persona, che identifica la famiglia. Un antroponimo è l'elemento designante completo che identifica una persona dal resto. Questa è una necessità che esiste nella maggior parte delle culture umane da quando esiste l'umanità. Nel caso dei cognomi, identificano il portatore come appartenente a una famiglia particolare.

Antroponimi prima dei cognomi

Prima dell'esistenza di ciò che conosciamo come stati, l'antroponimo era solo il nome proprio della persona. Spesso aveva qualche significato descrittivo o simbolico. L'abbandono delle società nomadi ha portato l'uomo a stabilirsi permanentemente in un luogo.

Questi insediamenti, insieme ai progressi nell'agricoltura e nell'allevamento, portarono ad un aumento della popolazione in punti particolari. Questo aumento del numero di individui ha portato la necessità di una gerarchia e anche la necessità di avere, come minimo, un nome.

L'istituzione di una gerarchia significava anche che coloro che si trovavano negli strati superiori di queste società dovevano essere riconosciuti come appartenenti a una particolare famiglia, dando così origine a ciò che oggi consideriamo i primi cognomi, o nomi di famiglia.

Origine degli antroponimi, i primi cognomi

Si ritiene che la grande maggioranza degli antroponimi derivi storicamente dai nomi comuni. Nonostante ciò, in molte società il significato originale dell'antroponimo è sconosciuto. Così, in molte società occidentali è necessario uno studio etimologico per cercare di trovare l'origine dei cognomi, anche se molti di essi seguono certi schemi o "formule" con le quali i cognomi venivano creati.

La necessità che tutti i cognomi abbiano un significato etimologico non è sempre chiara.

La necessità per tutti di avere almeno un cognome risale al Medioevo, un periodo in cui il fiorire delle città, e con esse la burocrazia, costringeva all'identificazione degli individui, al di là del proprio nome.

Lo studio dell'origine dei cognomi

Lo studio dell'origine dei cognomi è qualcosa di cui si occupa l'etimologia onomastica, ma anche la genealogia e l'araldica. Si tratta di studi di grande interesse nel campo delle scienze sociali, poiché ci permettono di conoscere meglio i cambiamenti sociali, le migrazioni e l'interazione che ha avuto luogo nel corso della storia tra società diverse.

Lo studio delle origini dei cognomi è qualcosa di cui si occupano l'onomastica, ma anche la genealogia e l'araldica.

Quindi, trovare la presenza di certi antroponimi originari di una lingua tra i parlanti di un'altra può indicare sia l'incorporazione di persone di un gruppo linguistico in un altro, sia l'influenza di un gruppo culturale su un altro.

Come esempio di quanto detto sopra possiamo trovare che in spagnolo, la presenza di nomi di origine ebraica è dovuta all'influenza della religione giudeo-cristiana sui parlanti latini che abitavano la penisola iberica e che hanno dato origine al castigliano. Tuttavia, è anche possibile trovare nomi di origine germanica, e questo è dovuto all'incorporazione di persone di origine visigota nelle popolazioni ispano-romane dell'antica Hispania.

Origine dei cognomi in diversi paesi

Anche se avere un nome e uno o più cognomi è comune nella maggior parte delle società di oggi, e le eccezioni sono davvero molto rare, i cognomi per la popolazione generale sono stati stabiliti in diversi momenti della storia per diverse culture. Allo stesso modo, l'origine dei cognomi differisce da un luogo all'altro, anche se hanno in comune il fatto di essere la parte del nome di una persona che identifica la famiglia a cui appartiene.

Origine dei cognomi in Occidente

In generale, e per la maggior parte della popolazione, bisogna notare che fino al Medioevo si usava usare solo i nomi. Per differenziare due persone con lo stesso nome, era comune aggiungere un'indicazione che si riferiva al luogo in cui la persona viveva, al suo lavoro o a un tratto caratteristico che permetteva di distinguere la persona. In questo modo era possibile distinguere tra due persone chiamate Pedro, chiamando uno Pedro il mugnaio e l'altro Pedro il bianco (a causa dei suoi abbondanti capelli grigi). Questa usanza di chiamare uno Pedro il mugnaio e l'altro Pedro il bianco (a causa dei suoi abbondanti capelli grigi).

Questa usanza si è mantenuta man mano che i cognomi diventavano sempre più necessari, e in molti casi questi "soprannomi" diventavano il cognome di queste persone, che come tali si tramandavano di padre in figlio, anche se il figlio di Pedro non aveva più i capelli grigi. Oggi è ancora possibile trovare il cognome Molinero e cognomi derivati come Molina.

Devo aggiungere che non era raro cambiare un cognome per motivi religiosi o politici o per nascondere cognomi di origine giudaica o moresca. A volte i portatori hanno cambiato completamente il loro cognome, a volte hanno "cristianizzato" il cognome originale per nascondere la sua origine.

Origine dei cognomi spagnoli

È molto comune trovare in spagnolo cognomi che finiscono in -ez, come González, Martínez o Sánchez. Questi tipi di terminazioni significano 'figlio di', e indicano che il nome di un antenato era Gonzalo, Martín o Sancho. Così, i loro figli si chiamavano anticamente Pedro, figlio di Gonzalo; Rodrigo, figlio di Martín o Alberto, figlio di Sancho, rispettivamente. Questa è un'origine comune dei cognomi, e sono conosciuti come patronimici. Questo è qualcosa che si verifica in altre culture e lingue.

Origine dei cognomi patronimici in altre lingue

Come esempio della formazione dei cognomi patronimici, troviamo che in Scozia è comune l'uso dei prefissi Mac- o Mc-. Questi prefissi scozzesi significano "figlio", per esempio, "MacPherson" è il figlio di Pherson.

Per formare il patronimico nelle lingue semitiche troviamo che in ebraico la parola ben significa 'figlio di', come in Ben Gurion, Ben Yehuda. Allo stesso modo, in arabo si usa 'Ibn', come in Ibn Khaldun, Ibn Zaydun, Ibn Hayyan. E troviamo anche 'Bar' in aramaico, che ha lo stesso significato dei precedenti, come in Bar Kokhba.

Quando ci spostiamo in aramaico, troviamo 'Bar' in arabo, che ha lo stesso significato dei precedenti, come in Bar Kokhba.

Se ci spostiamo nell'Europa del nord possiamo trovare che nelle lingue germaniche le terminazioni -sohn (tedesco), -son (inglese, norvegese, svedese) e -sen (danese) sono frequenti: 'Petersen' è figlio di Peter (Pietro), 'Mendelssohn' è figlio di Mendel e 'Gustafson' è figlio di Gustaf. In islandese si può anche trovare la desinenza -dóttir usata per "figlia".

Continuando nell'Europa del nord, abbiamo che negli anglo-normanni il patronimico di filiazione è di solito fatto con il prefisso Fitz. In Irlanda è comune usare O' (Os per discendente maschio e Au per nipote), come in O'Sullivan, figlio di Sullivan. Nel caso di O'Sullivan, figlio di Sullivan.

Nel caso delle lingue slave è comune l'uso delle terminazioni -(o)vich o -vic e -ov per la formazione del cognome patronimico, che indicano anche la parentela maschile. Per le femmine le terminazioni -ovna o -evna di solito indicano "figlia di". Così, fratelli e sorelle non hanno lo stesso cognome, poiché la desinenza indica il loro sesso. I figli e le figlie di Pietro saranno così chiamati rispettivamente Petrovich e Petrovna. Qualcosa di simile accade in georgiano, dove abbiamo -shvili per 'figlio' e -adze per figlia. Se ci spostiamo in georgiano, abbiamo -shvili per 'figlio' e -adze per figlia.

Se ci spostiamo in Grecia, troviamo che in greco moderno ci sono le terminazioni -poulos (-πουλος), -akis (-άκης) e -adis (-άδης), tra le altre. La desinenza greca antica più comune per questi casi era -idēs (-ίδης). Questo è stato ispanicizzato fino ad oggi come -ida. Per esempio, Zeus era anche chiamato Cronida, perché era 'figlio di Crono', e Achille, figlio di Peleo, era conosciuto come Pelida.

Per finire con gli esempi, troviamo che in armeno abbiamo le terminazioni -ian o -yan. Così "Krikorian" è il figlio di Krikor (Gregorio).

Altre origini di cognomi

Abbiamo visto che la maggior parte dei cognomi tende ad avere un'origine patronimica, e che questo è qualcosa che si verifica in un modo o nell'altro nelle diverse società. Tuttavia, l'origine dei cognomi, come abbiamo già sottolineato, può essere diversa, e ora esamineremo le principali formule che hanno dato origine ai cognomi.

Nomi con origine toponomastica

I cognomi di origine toponomastica sono quelli che derivano dal nome del luogo in cui la persona o la famiglia associata al cognome viveva, proveniva o possedeva terreni. Molti cognomi di origine toponomastica sono preceduti dalla preposizione "de", "del", "della" o sono semplicemente nomi gentilizi.

I cognomi di origine toponomastica abbondano in spagnolo. Come curiosità bisogna notare che questi costituiscono quasi l'80% dei cognomi baschi, e che questi seguivano non un nome, ma un soprannome. Abbiamo l'esempio di 'Otxoa de Zabalegi', cioè 'Otxoa, un nome proprio medievale che significa 'il lupo', da Zabalegi'. Questo tipo di cognome è molto più vario dei cognomi patronimici, anche se meno persone li portano rispetto ai primi.

Questi tipi di cognomi sono anche quelli che derivano da incidenti geografici, o cose della natura, come 'Della Valle', 'Vilaseca' o 'Montemayor'. In breve, sono anche i cognomi che provengono da tutto ciò che l'umanità conosce sulla faccia della terra.

Cognomi di origine comune

Sono cognomi che hanno la loro origine in nomi comuni che nominano la flora, la fauna o le particolarità esistenti in una regione. Possono essere cognomi che provengono da alberi, come 'Olmo' o 'Perales', fiori come 'la Rosa', animali come 'Colombo' o 'Falchi' o luoghi comuni come 'Fontana' o 'Montagna'

Cognomi con origini nei mestieri

.

I cognomi che devono la loro origine a professioni o mestieri sono quelli che derivano dal mestiere o dalla professione che la persona o la famiglia associata al cognome ha esercitato, in principio, quello che gli ha dato la sua origine. Qui troviamo cognomi come 'Herrera' o 'Cantero', ma questo tipo di cognome includerebbe anche quelli che designano condizioni su ciò che una persona è, come 'Duce', 'Marchese', 'Frate', 'Corridore' o 'Soldato'.

Cognomi con origini di soprannomi

I cognomi originati da soprannomi corrispondono a quelli che si riferiscono a qualche caratteristica identificativa della persona da cui si suppone che il cognome abbia avuto origine. È il caso di cognomi come 'Alegre', 'Bianchi', 'Rossi' o 'Bassi'.

Cognomi la cui origine è legata alle circostanze di nascita

L'origine di questi cognomi è da ricercare nelle circostanze al momento della nascita della persona che per prima lo portò in famiglia. Questa sezione comprende quei cognomi che si riferiscono al mese di nascita, al santo che si celebrava in quel giorno, ecc.

Inoltre sono inclusi in questa categoria i cognomi con i quali sono stati identificati i neonati di genitori sconosciuti, nella maggior parte dei casi con qualche riferimento religioso. È il caso di cognomi come 'Aprile', 'di Dio', 'Temprano', 'San Michele' o 'Expósito'.

L'importanza di conoscere l'origine dei cognomi

La curiosità che proviamo sull'origine dei cognomi deriva dal bisogno dell'essere umano di rispondere alle domande universali che lo hanno sempre tormentato. Sapere chi siamo, da dove veniamo e come le nostre origini possono influenzare le circostanze attuali della nostra vita è qualcosa che preoccupa sempre gli esseri umani. I cognomi dei nostri antenati e i nostri cognomi hanno sempre fatto parte della nostra vita.

I cognomi possono dirci molto sulla nostra storia perché parlano di noi non solo come esseri umani, ma anche come appartenenti a una particolare stirpe. I nostri legami con i nostri antenati possono essere rafforzati grazie a una maggiore e migliore conoscenza dell'origine dei nostri cognomi. Grazie a questo, è possibile tracciare il nostro albero genealogico, ma anche capire come è stata la storia della famiglia e persino ipotizzare l'influenza che certi eventi del passato possono aver avuto sul nostro presente. L'origine dei cognomi della famiglia può essere fatta risalire ai nostri antenati.

L'origine dei cognomi può aiutare a scoprire i movimenti migratori di alcune famiglie, l'incidenza delle professioni, i luoghi di origine... Ma è anche possibile conoscere antenati che possono aver avuto qualche relazione con la nobiltà, e grazie a questo, con fatti storici specifici.

In questo sito, in costante revisione e crescita, ci proponiamo di soddisfare il desiderio che molte persone hanno di conoscere l'origine del nostro cognome. Vogliamo aiutare coloro che vogliono sapere di più sul loro cognome e sui cognomi in generale, in modo che abbiano le informazioni necessarie per aiutarli a svolgere quel lavoro di ricerca e di autoconoscenza che permetterà loro di rispondere a molte domande su se stessi e sui loro antenati e discendenti, ma anche su qualsiasi cognome di cui possiamo tracciare il percorso fino alla sua origine.