Origine del cognome Abades

Il nobile lignaggio degli Abati o Abati, che è tutto uno, proviene dal Señorío de Vizcaya. La casa principale si trovava nella valle di Gordejuela, a Las Encartaciones de Vizcaya.


I discendenti di questa casa furono i Castro-Abad, così come i fondatori degli appezzamenti secondari di Treviño, nella chiesa di Marín, chiamata Santa María, che si trova nella valle reale di Léniz (Guipúzcoa); nelle parrocchie di Dima e Ceánuri (Vizcaya); nella città di Guevara (Alava) e nella città di Huermeces (Burgos).


Da questi lotti emersero a loro volta i fondatori di vari rami del cognome Abad, diffusi in varie regioni della Spagna e dell'America.


Uno dei maschi primitivi del lignaggio Abad, proveniente dal tronco della valle di Gordejuela, a Vizcaya, era Martín Fernández Abad, detto Calagurra. Giunse in Castilla la Nueva in occasione della conquista dell'Aurelia, i cui confini a quel tempo confinavano con i Complutensiani attraverso Perales, Tielmes e Carabaña, e con gli Oretanos attraverso Ocaña e Villarrubia, dove fondò Casa y Rama. I suoi eredi furono i suoi nipoti Sancho Abad, che si stabilì a Ocaña, e Martín Fernández Abad, secondo di nome, signore di Castellanos, oggi Vega del Colmenar, che misero a rischio le terre di Aranjuez.


Questo signore di Castellanos ebbe figli Fernando, che era comandante in capo, e Rodrigo, padre di Gonzalo, Estefanía e Sancha.


Un suo cugino, chiamato anche Martín Abad, terzo del nome, era un uomo ricco e il primo Cancelliere di Castiglia. Questo cancelliere aveva due figli, Fernán e Juan Abad. Un fratello di quel Cancelliere era anch'egli un uomo ricco di Castiglia nel 1167, e nipoti Fernando Martínez de Fita, Alcaide di Toledo, e García Martínez de Cerezo, Mayordomo della regina Doña Leonor.


Gonzalo Abad, figlio di Rodrigo e nipote, quindi, di Martín Fernández Abad, Signore di Castellanos, andò nelle Asturie e fondò il ramo di questa regione.


Nel comune di Grandas, individui di questo lignaggio vissero per diversi secoli, secondo i loro registri.


I discendenti degli Abati delle Asturie passarono in seguito al Burgo, chiamandosi González Abad.


Jerónimo de Villa dice nei suoi "Illustri Lignaggi" che anche questi González Abad delle Asturie passarono a Bierzo (León).


Il signore di Castellanos, Martín Fernández Abad, si trasferì in Aragona negli anni 1167 per servire agli ordini del grande monarca Don Alfonso II, il Casto, ricevendo in premio diverse terre nella valle di Tena, in montagna da Jaca, dove fondò la sua casa (luogo di Barca Pollera), distinguendosi e i suoi successori per le loro capacità militari.


Negli anni '70 del Cinquecento un discendente del ramo precedente, Martín Abad, venne dal feudo della Valle di Tena a Loporzano per sposare María Allué, nipote di Mosen Luis de Allué, Vicario di Loporzano. Questi coniugi eressero la propria casa e dimostrarono la loro infanzia per essere considerati come infanzones davanti all'Abate del Real Monastero di Montearagón, che era il signore temporale di detta città di Loporzano, con cui sia loro che i loro figli, Martín, Pedro e Bernardo.


Il primo, Martín, dopo la morte dei genitori, continuò a occuparsi della casa padronale e dei beni che avevano a Loporzano; Sposò Juana de Franco, figlia degli infanzones detti Franco, di quella città. Da questo matrimonio nacque un altro Martín, che era un familiare del Sant'Uffizio dell'Inquisizione. Ha sposato Juana de Casbas, dalla quale ha avuto figli. Il primogenito, Martín Juan, che visse a Loporzano per tutta la vita a capo della sua fattoria, era il marito di María Seral, anche lei figlia di infanzones. Hanno avuto Juan Martín, Licenciado Pedro Abad e Josef Abad da bambini. Il più anziano di loro, Juan Martín, continuò a dirigere la casa godendo dei privilegi e delle esenzioni che gli altri infanzones, e sposò Ana María de Ciria. Erano i genitori di Martín e Lorenzo. Martín continuò con i possedimenti e i privilegi dei suoi genitori, e allo stesso modo dei suoi figli e discendenti, ma la casa iniziò a diminuire di beni e influenza, e la casa, che si conserva ancora con lo scudo sulla porta, passò ad altri proprietari


Lorenzo Abad y Ciria, fratello del precedente, andò, da giovane, a combattere nel paese di Alagón e vi stabilì un nuovo maniero, apponendo sulla facciata lo stemma degli abati di Loporzano, ma con una variante che spiegheremo più avanti.


Questo era il tronco di quella famiglia che non mantiene più la sua residenza ad Alagón, ma esistono ancora la casa e lo scudo sulla facciata.


Gli Abati di Ayerbe (Huesca), fanno risalire la loro origine a quelli di Loporzano come segue: Pedro Abad y Allué, fratello del suddetto Martín, da giovane trasferì la sua residenza da Loporzano aAyerbe, dove sposò Orosia Nadal, dal cui consorzio nacquero Pedro e Salvador. Pedro ereditò la casa dai suoi genitori e sposò Catalina Marzal. Erano i genitori di Juan, che rimase ad Ayerbe, succedendo ai suoi genitori in proprietà e prerogative, da bambino. Ha sposato María Garcés, dando alla luce quattro figli: Juan Martín, Tomás, Juan e Domingo. Il figlio maggiore continuò ad Ayerbe e gli altri tre andarono a combattere nelle immediate città, attraverso le quali si diffuse questo cognome. Salvador Abad y Nadal, fratello del suddetto Pedro, sposò anch'egli Juana Lués ad Ayerbe, ed erano i genitori di Juan, che si sposò anch'egli nella suddetta città, con la propria casa, che fu trasferita ai loro figli e discendenti fino ad oggi, il che significa che ci sono due rami dell'abate ad Ayerbe, che, sebbene ora abbiano perso la loro relazione, provengono tuttavia dallo stesso tronco.


C'è anche una linea di stirpe Abad, i cui individui sono chiamati Abbad, come quelli di Estadilla, in Aragona; ma questi a cui ci riferiamo ora sono di Vizcaya, con un maniero nella chiesa di Ceánuri, e le loro armi sono molto diverse da tutte le altre.


Dalla casa fondata negli anni 1167 nella valle di Tena delle montagne di Jaca, da Martín Fernández Abad, signore di Castellanos, venne Pedro Abad, che l'abate e i monaci del monastero di Ripoll mandarono a spese del suo , guidando un terzo delle truppe, alla conquista di Valencia. Fu anche uno di quelli che vinsero Alcoy nel 1255, dove fu ereditato, diffondendo i suoi discendenti attraverso le città di Muro, Xàtiva, Elda e Novelda.


Dal feudo della Valle del Tena proveniva anche Palmerio Abad, che ai tempi del Re Don Pedro d'Aragona fondò i casati delle due Sicilie. Un suo discendente, di nome Pedro Abad, morì a Napoli, avendo ricoperto incarichi illustri al servizio reale.


Nella provincia della Cantabria c'erano anche linee del lignaggio Abad a Cueto, Viaña (valle di Cabuérniga) e Santoña, così come a La Rioja fin dall'antichità.


Da lei venne padre Fray Matías Abad, un religioso francescano, che fu giustiziato dagli indiani Choco intorno all'anno 1650, vicino al fiume San Francisco de Atrato nel distretto della città di Antioquia.


Era stato un minatore d'argento nella sede delle miniere di Santa Ana nella regione della città di Mariquita, e deluso dalle vanità del mondo divenne frate nel 1631.


Padre Matías Abad, nato nella città di Cueto, provincia della Cantabria, era il figlio legittimo di Toribio Abad e Catalina de la Higuera. I suoi resti riposano nella cappella principale del Convento di San Francisco nella città di Cartagena.


Discendente degli Abati del sito primitivo delle montagne di Burgos, nel luogo di Huermeces, era Melchora Abad, che sposò Francisco Pérez, entrambi nativi di Ezcaray e del suo villaggio di Turiza.


Hanno avuto diversi figli. Il figlio maggiore, Andrés Pérez Abad, vinse per sé e per i suoi fratelli un Decreto Reale nella Cancelleria Reale di Valladolid il 23 febbraio 1808, approvato da Manuel Estrada e ordinato che fosse scritto da Pedro de Zarandona y Balboa, Segretario della Camera di H.M., per ordine e accordo del giudice sindaco di Vizcaya, obbedito e completato nella città di Ezcaray, il 25 aprile dello stesso anno, e pubblicato il successivo 1 maggio, quando il municipio e i vicini furono riuniti secondo l'usanza , e una copia è stata conservata per testimonianza nel fascicolo del 2, come certificato dal notaio Basilio de Mata.


Andrés Pérez Abad sposò Sinforosa Urizarúa, e da questo matrimonio nacque Julián Aquilino Pérez Urizarúa, Cavaliere di Gran Croce di Isabella la Católica e Carlos III e Deputato del Corpo di Hijosdalgo di Madrid.


In varie nobiltà, parlando di questo cognome, si dice che gli Abati di Aragona e di Valenza, per la morte infelice di un loro parente, cominciarono a vestirsi di nero e cominciarono a chiamarsi Abati, fermandosi per qualche tempo a usa il cognome che prima portavano Quindi, i cognomi Abad e Abades sono gli stessi.


Dionisio Francisco de Abbad y Monseo, nato a Estadilla (Huesca) il 17 ottobre 1785, fu Assessore Decano di Estadilla nel 1817, e Maestrante de la Real de Granada, nel 1817, e dimostrò la sua nobiltà entrando nell'Ordine di Malta, nel 1793. Era figlio di Dionisio de Abbad y Lasierra e Teresa Monseo y de Codera; nipote paterno di Francisco de Abbad y Navarro e Teresa Lasierra y Marco, e pronipote paterno di Dionisio Abbad Altemir e María Teresa Navarro.


José Abad y Casades Serra y Goncer, Barone de Abella, battezzato a Cardona (Barcellona) il 4 settembre 1796, Barone de Abella e Comandante della Milizia Nazionale di Cardona, entrò nell'Ordine di Carlo IIInel 1838.


I seguenti hanno dimostrato la loro nobiltà davanti alla Camera Hijosdalgo della Cancelleria Reale di Valladolid: Angel e Antonio Abad Boo Toca e Rumayor, nativi e nativi di Santa María de Cueto (Cantabria), il primo assente nei Regni delle Indie e quest'ultimo residente a Cadice, rispettivamente il 3 novembre 1772 e il 30 aprile 1763; Agustín Abad Boo Toca y Rumayor, fratello del precedente, nativo di Cueto, da lui stesso e come padre di Pedro Abad e Alonso, e di Matías e Josefa Abad e San Juan, residenti a Cueto, il 3 novembre 1772; Pedro Abad Boo Toca y Rumayor, fratello del precedente, da lui stesso e come padre di José, Manuel e Paula Abad y Rumayor, residenti a Cueto, il 3 novembre 1772; Felipe Diego Abad Abad Toca y Toca, naturale e nativo di Monte, vicino ed attuale Procuratore del Comune di Cueto, il 22 novembre 1776; Pedro Abad Boo y Volado, ei suoi figli Juan, Antonio, Francisca e Manuela Abad, originari di Cueto, il 3 novembre 1772; Santos Abad Mujiedes Boo e Rumayor, naturale e originario di Cueto, il 3 novembre 1772; José Abad García y Maliaño, originario e originario di Cueto, da solo e come padre di Francisco (assente nelle Indie), Antonio (residente a Santander), Francisco, Manuel (assente nelle Indie) e José de Abad (abitante di Suances, in Cantabria), il 26 maggio 1772; Francisco Abad Camus Vélez y Rumayor, naturale e nativo di Cueto, il 10 maggio 1790; Juan Francisco Abad, residente a Loma Somera (Valderredible, Cantabria), nel 1716; José Abad, residente a Gajano, a Cudeyo (Cantabria), nel 1778; Antonio Abad, residente a San Cebrián de la Abadía (Cantabria), nel 1763; Juan Antonio Abad, residente a La Cuadrilla de Bárcena de Ebro (Cantabria), nel 1716; Bartolomé, Domingo, Francisco e Mendo Abad, abitanti di Ibias (Asturie), nel 1578 e nel 1587; Francisco e Juan Abad, abitanti di Setorio (Villaviciosa), nel 1750; Francisco Abad Tumiello y Quintas, originario di Moraza (Burgos) e residente a Celorio (Asturie), il 29 luglio 1771; Juan Abad Alvarez Quintas, originario di Moraza e residente ad Argüeso (Cantabria), nel XVIII secolo; Lorenzo, Manuel, Silvestre e Vítores Abad Aparicio Orduña y Sáez, nativi di Valgañón (La Rioja) e originari di Fresneda de la Siena Tirón (Burgos), residenti a Madrid, il 17 gennaio 1794; Juan Francisco Antonio Abad, residente a San Julián de Mos (Lugo), originario di San Pedro de Taboy (Lugo), il 27 giugno 1761, e Juan Abad de Vilar, residente a Calendario de Portocelo, nel vescovado di Mondoñedo (Lugo ), nel 1496.


Dinanzi alla Cancelleria Reale di Granada, dimostrarono la loro nobiltà: Sancho Abad Catalán, residente a Villahermosa (Ciudad Real), e Cañamares, originario di Jaca (Aragona), nel 1659; Domingo Abad Montero, originario di Puerto de Santa María (Cadice) e originario di San Andrés de Espinareda (León), nel 1719; Domingo Abad Mercadillo, residente a Puerto de Santa María (Cadice), nel 1733, e Martín Abad y Patiño, residente a Villanueva de los Infantes (Ciudad Real), nel 1670.


Vinsero il processo dell'Infanzia presso la Regia Corte d'Aragona: Juan Lorenzo Abad, originario di Loporzano (Huesca), nel 1677; Juan Abad, residente ad Ayerbe (Huesca), nel 1677; Francisco de Abad, originario di Estadilla, nel 1718; José Abad, originario di Saragozza, nel 1738; Juan Domingo Abad, originario di Ayerbe (Huesca), nel 1804; Manuel Abad, originario di Alagón (Saragozza), nel 1798; Leonardo Abad de Bernabe, originario di Villanueva de Jiloca (Saragozza), nel 1757, e Manuel Abad y Falces, originario di Estadilla, nel 1788.


Bernardo e Manuel Abad, residenti a Siviglia e originari di Gijón, dimostrarono la loro nobiltà alla corte reale di Oviedo nel 1831.


Pedro Abad de Mendoza, originario di Mendoza, cappellano, entrò nell'Ordine di San Giovanni di Gerusalemme nel 1584.


Dimostrarono la loro nobiltà entrando nell'Ordine di Santiago come religiosi: Francisco Abad Alonso Herranz y González, originario di Loeches (Madrid), nel 1642; Francisco Abad, originario di Villarrubia, nel 1657, e José Abad de Sandoval Villegas y de Eguiliz, originario di Beas (Huelva), nel 1702.


Per ricoprire incarichi nel Sant'Uffizio dell'Inquisizione, dimostrarono la loro nobiltà: Angel Abad, Ministro, originario di Madrid, alla Corte, nel 1815; Cristina Abad Pérez, nativa di Vinalesa (Valencia), a Valencia, nel 1633; Domingo Abad Joven, Sacerdote, nato a Cubel (Saragozza), a Saragozza, nel 1621; Fray Iñigo Abad y Lasierra, originario di Estadilla (Huesca), per Qualificatore, in tribunale, nel 1782; Juan Abad, originario di Collado, per Ufficiale, a Llerena, nel 1649; Juan Abad Sarabia, Ufficiale, nativo di Burgo de Osma (Soria), Ex Mayordomo della chiesa di Burgo de Osma, Contabile dei Vescovi di Córdoba Cristóbal de Lobera e Fray Domingo Pimentel, a Córdoba, e sua moglie María Espinosa Aguado, nativa di Córdoba, nel 1636; Ana Abad, residente ad Almagro (Ciudad Real), moglie di Pascual Ruiz de laFranco, nel 1563; Pedro Abad Patón, Ufficiale, originario di Villanueva de los Infantes (Ciudad Real), a Murcia, e sua moglie Inés Mejía, originaria di Villanueva, nel 1635; Tomasa Abad, moglie di Sebastián Pretel, per Famiglia, a Cartagena de Indias, nel 1630; Antonio Abate Pont Ferranet y Pont, per la Famiglia, a Valencia, nel 1731, e sua moglie Jacinta Esteve y Albelda, nativi di San Felipe e residenti a Cárcer (Valencia); Bautista Abad Vidal Margues y Mico, originario di Palomar e residente a Muro, per Famiglia, a Valencia, nel 1738, e sua moglie Jesualda Reig y Alonso, nativa


di Muro; Francisco Abad, per Familiare, a Valencia, nel 1738, e sua moglie Antonia Latorre y Cucarolla, originaria e residente di Muro, e Juan Antonio Cristóbal Abades, originario di Miraflores, per Ministro, a Toledo, nel 1787.

Antonio Abad y Esquil, nativo di Cadice, nel 1729; Ramón Abad y Alfaro, originario di Estadilla (Huesca), nel 1779; Vicente Abad y Fortón, nativo di Estadilla, nel 1783, e Antonio de Abad y Alfaro, nativo di Estadilla, nel 1783.

  1. Spagna Spagna
  2. Brasile Brasile
  3. Argentina Argentina
  4. Filippine Filippine
  5. Venezuela Venezuela
  6. Canada Canada
  7. Stati Uniti d Stati Uniti d'America
  8. India India
  9. Cile Cile
  10. Messico Messico
  11. Malesia Malesia
  12. Niger Niger

Il cognome Abades. Genealogia, origine, storia, significato e importanza

Scoprire le radici storiche di abades è profondamente interessante, poiché ci riporta agli antenati e ai parenti che hanno stabilito questa stirpe.

Il cognome Abades nel mondo

Anche se i cognomi hanno un'origine specifica in un momento e una regione del pianeta molto precisi, molti di essi si sono diffusi in lungo e in largo per il mondo per vari motivi, come nel caso del cognome abades.

Storia di Abades

La cronaca storica su abades si basa su una serie impressionante di eventi che sono stati protagonisti di coloro che hanno portato questo cognome nel corso della storia.

Vi suggeriamo, se desiderate saperne di più sul cognome abades, di provare a localizzarlo attraverso le fonti bibliografiche che suggeriamo.

Personaggi illustri con il nome Abades

È molto probabile che ci siano stati alcuni abades illustri nel corso della storia umana.

Il cognome Abades e le sue fonti bibliografiche

Grazie a un'importante revisione bibliografica, siamo riusciti finora a raccogliere informazioni sull'araldica, la storia e la genealogia di abades.

FONTI

Queste fonti sono indispensabili per iniziare a conoscere abades, e allo stesso tempo i cognomi in generale.

  1. Abadez
  2. Abdes
  3. Abadias
  4. Abdis
  5. Abdus
  6. Abudas
  7. Abdek
  8. Abats
  9. Abbadessa
  10. Abdous
  11. Aboites
  12. Aboytes
  13. Abts
  14. Abdias
  15. Abdk
  16. Abudoj
  17. Abdz
  18. Abbots
  19. Abbotts
  20. Abdeslam
  21. Abitz
  22. Aptaker
  23. Aubets
  24. Avdic
  25. Abdeslem
  26. Abidjan
  27. Abdić
  28. Abdiji
  29. Abdagic
  30. Aftis
  31. Abadjian
  32. Abetz
  33. Abatcha
  34. Abdiaj
  35. Avtzis
  36. Aftiss
  37. Abatecola
  38. Abatucci
  39. Abdeselam
  40. Abdeslami
  41. Abdikadir
  42. Abdoussi
  43. Aboitiz
  44. Apitz
  45. Apodaca
  46. Apodaka
  47. Abdesslam
  48. Avetik
  49. Abdesslem
  50. Abdesamad